Blog finalizzato all'esame di tutti gli aspetti riguardanti gli Allestimenti fieristici.

sabato 24 settembre 2016

ALLESTITORE ABITUALE, PRO E CONTRO

Passando molto tempo in fiera a contatto con chi espone ho individuato due macro categorie:

- Chi è incrollabilmente legato al proprio allestitore nel bene o nel male.

- Chi è sempre interessato a nuove proposte, a nuovi progetti ed in base alle esigenze di comunicazione e della fiera è disposto ad analizzare nuovi partner


Spesso mi sono chiesto quale possa essere la strada giusta.

Non posso dire che affidarsi ad un allestitore, che dopo anni di lavoro con te conosce le esigenze della tua azienda, sia la scelta sbagliata. Sicuramente è la scelta più comoda (non hai bisogno di spiegare tutto nuovamente al nuovo allestitore) gli dai la pianta della fiera e lui adatta il tuo vecchio stand alla nuova area. Bisogna però stare attenti che, con il passare degli anni, le attenzioni ai dettagli e alle finiture non vadano sempre più diminuendo!

Cambiare allestitore vuole dire rimettere tutte le carte in gioco, ricercare il partner giusto, spiegargli tutto, analizzare nuovi progetti e correggere le inesattezze che inevitabilmente un nuovo partner commette. Per contro la cura dello stand quasi sicuramente sarà migliore in quanto l'allestitore farà di tutto per iniziare con il piede giusto un rapporto con il nuovo cliente.

Il mio non vuole essere una esortazione a cambiare allestitore spesso! Io stesso collaboro da anni con i miei clienti e considero questo un punto di forza.

Questo mio ragionamento è nato perché, parlando con diversi espositori mi sono accorto che, sempre più spesso, chi ha stand con finiture a dir poco disastrose dichiara di non essere interessato a cambiare, che ha il suo allestitore storico con cui si trova bene. Il problema è che, chi passa davanti a questi stand, ha un'idea dell'azienda che espone davvero negativa.

A mio parere, come spesso capita, la verità sta nel mezzo!
E' vero che continuare a cambiare allestitore è controproducente ma dall'altra parte non bisogna fossilizzarsi su un partner unico per pura pigrizia.

Il mio lavoro consiste nel progettare stand e nella scelta dell'allestitore giusto per i miei clienti. Proprio per questo motivo il problema della scelta degli allestitori mi coinvolge particolarmente. Anche per me il rapporto di fiducia con chi costruisce e monta gli stand è importante ma per contro è anche molto importante il continuo lavoro di ricerca e conoscenza di nuovi partner (ognuno con le sue caratteristiche) in modo da soddisfare al meglio le esigenze dei miei clienti.

Considero questa una discussione aperta.
Fatemi sapere il vostro parere!

Per approfondire questi ed altri argomenti nell'ambito delle fiere vienimi a trovarci su: www.studioallestimenti.blogspot.it

a presto!
Arch. Matteo Calvi

www.standallestimenti.it

Nessun commento:

Posta un commento