Blog finalizzato all'esame di tutti gli aspetti riguardanti gli Allestimenti fieristici.

sabato 18 giugno 2016

CAPIRE UN CAPITOLATO E LE FINITURE PROPOSTE

Continuiamo il nostro lavoro di supporto a te che devi affrontare una fiera e vuoi essere consapevole di ciò che stai acquistando.
Con questo articolo faremo un pò di chiarezza nell'ambito dei materiali in modo che, quando ti troverai di fronte un progetto ed un capitolato, tu riesca a capire di cosa si sta parlando e se le finiture che ti troverai in fiera, a stand finito, saranno quelle desiderate.

Questa volta, più che un articolo, sarà un abaco di finiture con le relative note.
Iniziamo parlando di:

PEDANA


Per prima cosa dobbiamo fare una precisazione sull'altezza:
- La pedana può non esserci: In questo caso avrai il materiale di finitura posato direttamente sul pavimento della fiera.
- Altezza dai 2 ai 6 Cm: Sarà possibile passare i cavi elettrici sotto pedana senza avere canaline e passacavi nelle zone di passaggio.
- Altezza dai 10 ai 15 Cm: In questo caso sarà possibile il passaggio sia di cavi elettrici sia di carico e scarico dell'acqua nel casi in cui si voglia posizionare un banco bar con lavandino o altro.

Ora passiamo alle finiture:

Moquette:
E' la soluzione più comune e meno costosa. Ci sono vari tipi di moquette che si differenziano in base allo spessore, anche se normalmente ne viene usata una sui 2 mm che fa egregiamente il suo lavoro.










PVC:
Sono delle gomme in rotoli con diversi colori e motivi. In generale posso sembrare delle buone alternative visto il basso costo e la varietà di finiture e disegni.
C'è solo un grosso problema!
In fiera non è possibile incollare la gomma su tutta la superficie sottostante e l'incollaggio (fatto con strisce di biadesivo)  si rivela spesso un totale fallimento in quanto, a fiera aperta e riscaldamenti accesi, la gomma si dilata cominciando a fare pieghe ovunque.
Assolutamente sconsigliata!



Doghe di Parcolor:
Si tratta di doghe con una finitura superficiale tipo legno. Nella realtà la finitura è un stampa che riproduce in maniera molto fedele le doghe di legno. In fiera questo tipo di finitura è molto usato in quanto ha un'ottima resa con un costo contenuto.









Cocco, Sisal:
Viene fornita in rotoli e l'estetica è tipo i tappeti in "corda". E' un buona finitura ma ... attenzione alla giunzione tra i rotoli! Se non viene posata bene si vede!











Quadrotte laccate:
Sono delle "piastrelle" in legno normalmente di dimensioni Cm 100x100 verniciate a spruzzo del colore che si vuole. Posso essere lucide o opache. Ultimamente va molto di moda il Laccato Bianco Lucido. Delle finiture trattate fin'ora è la più costosa anche se accessibile. La resa è ottima!








Le finiture sopra riportate sono state messe in ordine di prezzo dalla meno cara alla più cara.


Ed ora passiamo alle finiture delle:

PARETI


La struttura delle pareti normalmente è in tamburato (doppio strato di MDF Sp 4 mm con in mezzo un cartone alveolare) anche se, quello che a te interessa, è la superficie delle pareti, quello che te vedrai in fiera!

Idropittura:
Se vuoi capire come sarà guarda le pareti di casa!
Nel caso della fiera, più che altro, sarà importante capire come verranno trattate le giunzioni tra i pannelli che compongono le pareti. Queste possono essere lasciate in vista o stuccate, rasate e definitivamente nascoste.
Se le giunte sono in vista bisognerà assicurarsi che i pannelli abbiano dimensioni omogenee in modo che il colpo d'occhio sia "ordinato".
Se le giunte sono stuccate bisognerà sperare (e magari raccomandarsi) che la squadra che monta lo stand faccia un buon lavoro, altrimenti il risultato sarà peggiore dell'avere le fughe in vista!

Smalto all'acqua:
E' sempre un'idropittura ma con una finitura satinata o lucida. Si posso ottenere ottimi risultati se le pareti di sottofondo sono preparate bene e chi monta fa un buon lavoro.

Laccatura:
Può essere lucida o opaca, molto bella esteticamente in quanto le pareti saranno preparate in cabina di verniciatura in azienda.
Unico neo è che le giunte dei pannelli si vedranno.
Spesso si usano anche quadrotte laccate (come quelle viste prima per i pavimenti) in modo da avere un effetto quadrettato sulla parete e quindi più ordinato.


Laminati tinta unita:
Sono dei fogli di laminato, finitura a scelta, con cui possono essere rivestiti i pannelli che compongono lo stand. Le giunte si vedranno.












Laminati Finitura legni:
Sono dei fogli di laminato con stampato il disegno di un legno con cui si possono rivestire i pannelli che compongono lo stand. L'effetto normalmente è soddisfacente.
Le giunte pur vedendosi si confonderanno con le venature del legno.









Impiallicciatura:
Si tratta di un sottile foglio di legno con cui vengono rivestiti i mobili o nel nostro caso le pareti. Finitura molto costosa e proprio per questo motivo, molto rara negli stand ma non impossibile!


L'elenco sopra trattato ha l'intento di darti dei chiarimenti sulle finiture più comuni anche se non si può considerare assolutamente esaustivo.
In fiera si può fare tutto e proprio per questo motivo la sperimentazione e l'utilizzo di nuovi materiali è all'ordine del giorno. Spesso è una gara tra chi propone materiali nuovi con risultati eccezionali!
Il mondo delle fiere è bello proprio per questo!

Se hai dei dubbi o ti propongono materiali che non conosci non esitare a farci domande!
Saremo ben felici di rispondervi!

Nella speranza che questo articolo ti possa essere utile auguro alla tua azienda una buona fiera!

Per approfondire questi ed altri argomenti nell'ambito delle fiere vienici a trovare su: www.studioallestimenti.blogspot.it

a presto!
Arch. Matteo Calvi

Nessun commento:

Posta un commento