Blog finalizzato all'esame di tutti gli aspetti riguardanti gli Allestimenti fieristici.

sabato 21 maggio 2016

COLLETTIVE ED ALLESTIMENTI MODULARI - Introduzione

Fino ad ora abbiamo parlato di stand personalizzati e di come gestire la tua fiera per avere il massimo riscontro possibile.

Ora è il momento di introdurre un nuovo aspetto degli allestimenti:

Le collettive e gli allestimenti modulari.
Prima di tutto dobbiamo ribadire quanto già espresso nei precedenti post, anche in questo caso, lo scopo di un allestimento è quello di esprimere un concetto e dei valori che siano facilmente comprensibili hai visitatori.
Nel caso in cui una associazione o un raggruppamento decida di partecipare ad una fiera l'obbiettivo principale è quello di far capire ai visitatori quali sono i membri di quella "aggregazione" e quali sono le caratteristiche che li distinguono dal resto degli espositori.
Da qui l'esigenza di studiare un allestimento che metta in evidenza i caratteri somatici comuni degli appartenenti al raggruppamento lasciando comunque la possibilità al singolo espositore di esprimere il proprio carattere e le proprie caratteristiche.
Altro elemento fondamentale è lo studio di una struttura che permetta adattare facilmente gli elementi che compongono lo stand a diverse aree in fiera.

Progettare una collettiva prevede un lavoro di studio su tre livelli:
- Il primo deve esprimere i caratteri che accomunano i membri della collettiva.
- Il secondo deve comunque lasciare la possibilità all'espositore di esprimere il suo carattere.
- Il terzo prevede lo studio, puramente tecnico, di una struttura che si adatti a diverse aree in fiera.



Diciamo prima di tutto che non sempre "allestimento modulare" è sinonimo di scarse finiture e basso prezzo.
Un esempio su tutti sono gli allestimenti modulari presenti a VicenzaOro. Hanno una altezza di metri 5,5 e presentano una scelta (sia pur limitata) di moduli espositivi che permettono un minimo di personalizzazione. In questo caso il prezzo è in linea con quello di un allestimento personalizzato e l'offerta non si rivolge a chi vuole si vuole distinguere dagli altri ma a chi non sa dove sbattere la testa!

Questo è solo il primo post di una articolata serie che ci porterà di analizzare nel concreto:
- Il progetto (rimasto sulla carta) di una collettiva per l'Istituto Commercio Estero - ICE.
- L'esempio concreto di progettazione e gestione della collettiva Buyer Point in Italia.
- Le fasi di progettazione e gestione di Buyer Point International al Palazzo del Parlamento di Bucarest che si svolgerà ad Ottobre, quindi in fase di lavorazione!

Alla prossima!!!

Nessun commento:

Posta un commento